Ecobonus 110%: novità del decreto ministeriale?

Aumentano le difficoltà per le imprese che svolgeranno i lavori per l’ecobonus110%

Deve essere ancora pubblicato in Gazzetta ufficiale il Decreto Ministeriale e di conseguenza continua per il momento ad essere valido il decreto del 2008, con modifiche del 2010.

Per chi esegue ora i lavori di Ecobonus dovrà rispettare i Vecchi requisiti

infatti, adesso si dovrà rispettare i vecchi requisiti e seguire due normative diverse in base a quando sono iniziati i lavori.

Rispetto al passato il nuovo decreto in via di pubblicazione, contiene dei requisiti decisamente più prescrittivi per godere degli incentivi fiscali.

Considerando tutta la documentazione necessaria per l’espletamento delle pratiche e per la cessione del credito 110, emerge il motivo della nostra insistenza di anni di pubblicazioni e dell’importanza di affidare i lavori a strutture che hanno al loro interno un’equipe di tecnici multi disciplinari e EGE certificati, accreditati nel settore civile.

Non si può agire come in passato che l’Amministratore di condominio, pur in perfetta buona fede, affidi gli interventi di riqualificazione energetica del condominio al proprio tecnico di fiducia.

Ora più di prima per la riqualificazione energetica degli edifici esistenti, servono strutture multidisciplinari a elevata capacità finanziaria ed energetica.

Un dato che ancora ci stupisce è la MANCANZA dell’obbligo da parte della struttura proponente di esporre il consumo massimo post-opera, con una penale qualora questo valore venisse superato.

Questo è uno dei veri costi che rimarrà a vita al condominio.

Vuoi scoprire di più sulle soluzioni Ecobonus110%? Contattaci ora!

Lascia un commento

Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa sulla privacy

CST EBM è un servizio esclusivo di C.S.T. | All rights reserved. | Privacy Policy